Price Action: chi fa muovere i prezzi?

Home»Articoli»Price Action: chi fa muovere i prezzi?

La Price Action è l’arte di comprendere i grafici nudi senza alcun indicatore.

Nel fare price action non bisogna soffermarsi sulle candele individuali ma bisogna guardare al movimento dei prezzi nel suo complesso, come un flusso continuo.

Ciò che muove realmente il prezzo non è la domanda/offerta ma l’aggressività dei compratori/venditori.

Se sei aggressivo, vuoi comprare o vendere ORA.

 Se vuoi essere sicuro al 100% di venire eseguito sarà necessario utilizzare ORDINI A MERCATO

Questo tipo di ordine significa che qualunque sia il prezzo, il tuo ordine verrà eseguito. 

Sono gli acquirenti / venditori aggressivi con i loro ordini di mercato aggressivi che guidano il prezzo su o giù.

Esempio:

Mettiamo che c’è una notizia che implica che la coppia EUR / USD aumenterà.

Un trader di hedge fund vuole entrare long con 1.000 lotti (che equivale a $ 100.000.000). 

Sfortunatamente, tutti gli altri vedono questa notizia e ne vedono anche l’opportunità

Questo fa salire il prezzo  rapidamente. 

Per essere sicuro di entrare velocemente e completamente in posizione come pianificato è necessario entrare a con un ORDINE A MERCATO

Hai bisogno di essere aggressivo e la situazione potrebbe svolgersi  più o meno così:

Dato che la tua posizione è piuttosto grande, non verrà eseguita tutta in una volta,  ma verrà divisa  in più parti perché il prezzo si sta spostando verso l’alto velocemente. 

Sono dunque  i partecipanti al mercato aggressivi, che fanno aumentare o diminuire il prezzo velocemente con i loro ordini di mercato

Questo è il vero motivo per cui il prezzo si muove.

Chi muove il prezzo?

L’80% di tutto il volume è mosso dagli istituzionali,

I loro movimenti riescono a manipolare i prezzi, è il loro lavoro.

Come possiamo seguire i movimenti degli istituzionali?

Monitorando la price action assieme ai volumi.

Ci sono tre principali movimenti della price action che ci permettono di individuare come si stanno muovendo gli istituzionali:

  1. Trading range laterale
  2. Accelerazioni aggressive al rialzo o a ribasso
  3. Respinta dei prezzi su determinati livelli.

Gli istituzionali però non possono entrare in una volta sola  in posizione, questo perché creerebbero eccessiva euforia nel mercato che farebbe aumentare o diminuire i prezzi troppo velocemente non consentendo a loro di completare la loro posizione al prezzo che avevano stabilito.

L’unico modo in cui possono accumulare posizioni passando inosservati è durante le fasi laterali.

I trading range sono dunque la fase in cui gli istituzionali si preparano ad entrare in azione e per questo è importante cercarle nei grafici come prima cosa quando facciamo le analisi.

Vuoi imparare ad analizzare i mercati in modo professionale? Accedi Gratuitamente a 6 corsi di Trading

Le accelerazioni aggressive a rialzo o ribasso sono il momento in cui gli istituzionali comprano in maniera aggressiva per portare le loro posizioni accumulate precedentemente in profitto.

Successivamente a queste accelerazioni aggressive è possibile che si verifichino delle inversioni altrettanto aggressive nel senso opposto.

L’area dove avviene l’inversione è molto significativa, segna il luogo in cui forti partecipanti al mercato hanno respinto in modo aggressivo l’attuale linea di condotta e hanno avviato una forte contromossa. 

Questo diventa una nuova zona di supporto / resistenza, che verrà  probabilmente difesa nuovamente in caso di riavvicinamento.

Queste 3 aree appena viste di forte attività degli istituzionali sono alla base dei metodi di trading che utilizzando il volume profile e di cui parleremo nei prossimi articoli.

Davide Cassaghi