Come e se conviene investire in idrogeno?

Home»Articoli»Come e se conviene investire in idrogeno?

Conviene investire in idrogeno?

Sarà un macro-trend del futuro ma conviene davvero investire in idrogeno?

100% energia pulita ed emissioni zero entro il 2050.

I ministri dell’Unione Europea stanno lavorando ad un accordo per rendere obbligatorio il target di emissioni zero entro il 2050.

La Cina dice di volersi impegnare a diventare neutrale sul piano di emissioni di CO2 entro il 2060 e nel 2019 Il Regno Unito è stato il primo paese ad approvare una legge sulle emissioni zero.

Gli investimenti in idrogeno ricadono nel mega trend più ampio delle energie pulite.

Come investire in idrogeno

Una delle strategie per investire in idrogeno è con gli ETF, se non sapete ancora cosa sono o volete iniziare a investire in maniera consapevole vi consiglio il nostro corso per investire in ETF.

Imparerete sia a conoscere il funzionamento degli ETF, sia come investire ma soprattutto come costruire il vostro portafoglio di investimento.

Ricordiamo poi che non è lo strumento finanziario in se per se che vi farà guadagnare nel lungo termine ma come voi utilizzate quello strumento finanziario.

Solo l’uso che ne farete che determinerà i vostri risultati.

Se utilizzate ETF nella maniera sbagliata finirete per perdere ugualmente soldi, ma questo vale per tutti gli strumenti finanziari.

Ma prima di investire come sempre è necessario conoscere e così approfondiamo meglio il settore dell’idrogeno.

Come funziona l’idrogeno e perché può essere importante nei prossimi anni?

L’idrogeno in sé per sé non può essere considerato una forma di energia pulita perché se per produrlo utilizziamo ad esempio il carbone o comunque fonti di energia “sporca” anche l’idrogeno andrà considerato come energia sporca.

Se per produrlo utilizziamo energia pulita allora anche l’idrogeno può essere considerato una fonte di energia pulita.

Mi scusino i chimici e fisici per la semplificazione e banalizzazione necessaria ai fini dell’articolo.

Per produrre l’idrogeno c’è bisogno di energia elettrica.

Come possiamo produrre energia elettrica?

A partire dal sole, dal vento, ma anche dal carbone.

L’idrogeno si produce a partire dall‘elettrolisi.

Un termine astruso, lo so, cosa vuol dire elettrolisi?

Indica un processo in cui l’energia elettrica viene trasformata in energia chimica. Il termine in greco significa sciogliere ocn l’elettricità.

Ribanalizzando e chiedendo scusa ai chimici, si prende l’acqua, la corrente elettrica e si fa l’elettrolisi.

L’idrogeno dopo essere prodotto deve essere però accumulato e poi distribuito.

Vuoi imparare ad investire e gestire i tuoi risparmi in modo efficace? Accedi a 6 corsi gratis

Per cosa si usa l’idrogeno?

L’idrogeno può essere usato nel processo di cracking a vapore per la produzione di carbone, petrolio e gas, di pulito sono ben poco.

Può inoltre essere utilizzato anche nelle case residenziali come fonte di energia e riscaldamento o nei processi industriali.  Attenzione si può usare anche come fonte di energia per il trasporto quindi per gli autobus oppure per le macchine. Con i pro e i contro che ciò comporta.

Quinto utilizzo dell’idrogeno è quello di convertirlo e destinarlo all’industria agricola. Si tratta così di una risorsa nel complesso versatile.

Conviene investire in idrogeno?

Scopriamo qualche dato che viene direttamente dalla Commissione europea.

Da qui al 2024 verranno installati nell’Unione Europea almeno sei gigawatt di elettrolizzatori di idrogeno rinnovabile per la produzione di almeno un milione di tonnellate di idrogeno rinnovabile.

Si punterà poi tra il 2025 e il 2030 all’installazione di 40 gigawatt di elettrolizzatori di idrogeno e la produzione di 10 tonnellate di questo idrogeno rinnovabile.

Dopo il 2030, sì, forse stanno ragionando abbastanza lontano, però dovrebbe essere utilizzato proprio su larga scala e in molti settori.

Secondo una ricerca di Bank of America da oggi al 2050 l’industria dell’idrogeno dovrebbe produrre 2500 miliardi di introiti e 11.000 miliardi di infrastrutture.

Forse questo risponde più di tutto a se conviene investire in idrogeno.

Il settore insomma potrebbe davvero essere un settore interessante, non è che lo sarà di sicuro o che diventermo miliardari investendovi, nessuno può dirlo.

Considerato però il valore degli investimenti delle aziende potrebbe essere conveniente investire in idrogeno.

Investendo nelle aziende che sono coinvolte in questo settore si potrebbero fare buoni affari, qui l’importante è come sempre saper scegliere le aziende più interessanti.

Se non sapete come investire in idrogeno, ma sia non avete tempo per selezionare aziende così come volete iniziare subito allora vi consiglio tre ottimi ETF per investire in idrogeno e in energie pulite.

Esistono degli ETF che acquistano al loro interno soltanto aziende coinvolte direttamente in questo settore.

In questo modo ci semplifichiamo la vita e attraverso la diversificazione riduciamo anche il rischio.

Vi lascio l’analisi dettagliata qua: ETF sulle Energie rinnovabili: in quali conviene investire?

Investire in ETF

Vuoi risparmiare migliaia di euro l’anno di costi ed avere maggiori rendimenti rispetto agli investimenti bancari?

Scopri di più